Premessa

Il Corso di Laurea in Infermieristica, abilitante alla professione di Infermiere, ha durata triennale e forma professionisti ai quali competono le attribuzioni previste dal D.M. del Ministero della Sanità 14 settembre 1994, n. 739 e successive modificazioni ed integrazioni; ovvero sono responsabili dell’assistenza generale infermieristica. Detta assistenza, preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa è di natura tecnica, relazionale e educativa. Le loro principali funzioni sono la prevenzione delle malattie, l’assistenza dei malati e dei disabili di tutte le età e l’educazione sanitaria.

I laureati in infermieristica partecipano all’identificazione dei bisogni di salute della persona e della collettività e formulano i relativi obiettivi; pianificano, gestiscono e valutano l’intervento assistenziale infermieristico; garantiscono la corretta applicazione delle prescrizioni diagnostico-terapeutiche; agiscono sia individualmente che in collaborazione con gli operatori sanitari e sociali, avvalendosi, ove necessario, dell’opera del personale di supporto; svolgono la loro attività professionale in strutture sanitarie, pubbliche o private, nel territorio e nell’assistenza domiciliare, in regime di dipendenza o libero-professionale; contribuiscono alla formazione del personale di supporto e concorrono direttamente all’aggiornamento relativo al loro profilo professionale e alla ricerca.



Obiettivi formativi

Il Corso di Laurea in Infermieristica si propone il conseguimento degli obiettivi formativi di seguito definiti:

Identificare l’area di bisogni di salute di interesse per la professione infermieristica, considerando, a livello individuale e collettivo, aspettative, fattori di rischio, malattie e disabilitàValutare il livello di funzionalità e autonomia dell’assistito, intesa come capacità e performance, rispetto ai modelli funzionali e in rapporto a possibili necessità di intervento infermieristicoscegliere percorsi di assistenza infermieristica coerenti con lo stato di salute e le capacità di autonomia dell’assistitoattuare interventi in ambito preventivo, educativo, curativo, palliativo e riabilitativo a soggetti e gruppi a rischio, malati e disabili di tutte le e, in ambito medico, chirurgico ( pre, intra, post-operatorio), geriatrico, comunitario, materno-infantile e psichiatricoMonitorare e verificare i risultati del processo attuativo dell’assistenza infermieristicaValutare la qualità dei risultati e dei percorsi assistenzialiContribuire alla formazione e allo sviluppo della cultura e della professione, sia dal punto di vista delle scienze empirico-sperimentali sia delle scienze umanegestire risorse e processi organizzativi nell’ambito di programmi assistenziali e contribuire allo sviluppo della qualità tecnico-professionale, percepita e organizzativo-managerialeIdentificare aspetti comuni e specificità di vari approcci teorici dell’infermieristica in rapporto allo sviluppo di programmi di assistenzapartecipare alla identificazione ed all’analisi delle problematiche etiche in sanitàprogettare e realizzare, collaborando con altri professionisti, interventi informativi ed educativi di controllo dei fattori di rischio rivolti ai singoli e a gruppiGestire l’assistenza infermieristica perioperatoriaEducare il paziente e apprendere le metodologie di intervento nella comunità attraverso l’attivazione di reti di assistenza informali per sostenere l’utente e la famiglia in progetti di cura a lungo termineElaborare con la persona e la famiglia progetti educativi per sviluppare abilità di autocuraSostenere l’apprendimento di pazienti all’autogestione dei problemi assistenzialiEducare i caregivers alla gestione dei problemi della persona assistita.



Immatricolazioni e iscrizioni ad anni successivi al primo

Il numero massimo degli studenti iscrivibili a ciascun Corso di laurea in Infermieristica è stabilito dalle autorità accademiche in relazione ai fabbisogni del sistema lavorativo specifico, alle strutture didattiche ed al personale docente disponibile. Per l’ammissione al corso di Laurea è necessario il possesso del Diploma di scuola media superiore o titolo di studio estero equipollente. L’ammissione al corso avviene dopo il superamento della relativa prova di selezione. Il passaggio agli anni successivi è consentito solo se lo studente abbia superato tutti gli esami dell’anno precedente e conseguito una valutazione positiva del tirocinio; detto passaggio agli anni successivi è peraltro consentito ove residuino non oltre due esami, da superare entro l’anno accademico successivo. Lo studente che non abbia avuto giudizio positivo nel tirocinio non può essere ammesso all’anno successivo.



Requisiti di ammissione al corso di laurea

Per l’iscrizione è necessario essere in possesso del Diploma di scuola superiore o titolo di studio estero equipollente riconosciuto idoneo in base alla normativa vigente.



Frequenza

La frequenza all’attività didattica programmata e al tirocinio è obbligatoria, viene ammesso a sostenere gli esami programmati, per l’acquisizione dei crediti relativi, chi ha frequentato per almeno il 75%.



Prova finale

Per essere ammesso all’esame finale di laurea - che ha valore abilitante - lo studente deve aver superato gli esami previsti dal regolamento didattico ed avere ottenuto una valutazione positiva di tutti i tirocini.
Per la prova finale del corso di studio, il Rettore nomina una Commissione composta da sette membri su proposta del CCL e comprendente almeno due membri designati dal Collegio Professionale.
Le date delle sedute sono comunicate al MIUR ed al Ministero della Salute che possono inviare esperti come loro rappresentanti.
Il voto è sempre espresso in centodecimi e la prova si intende superata quando il candidato abbia ottenuto una votazione di almeno 66/110.
Quando il candidato abbia ottenuto il massimo dei voti può essere attribuita la lode.

L’esame finale comprende:
a) la redazione e discussione di un elaborato su argomento teorico applicativo
b) una prova professionale abilitante, nella quale lo studente deve dimostrare di saper gestire evenienze professionali.
Contribuiscono a determinare il voto di Laurea i seguenti parametri:
a) Voto di presentazione: media dei voti conseguiti negli esami curriculari b) Voto della prova pratica
c) Voto del tirocinio pratico
d) Valutazione della tesi



Piano degli studi

Il Piano degli studi prevede un impegno complessivo dello studente pari a 180 crediti:

- 111 CFU Attività didattica (lezioni, esercitazioni e seminari, a scelta dello studente)

- 60 CFU di Tirocinio

- 3 CFU di laboratorio

- 6 CFT prova finale

Il percorso di studio si articola in attività didattica, laboratorio e tirocinio: ad 1 CFU corrispondono 10 ore di didattica frontale.
Ai CFU da acquisire con il tirocinio, i laboratori e le attività pratiche, è attribuito un peso orario pari a 30 ore per credito.



Altre informazioni

Presidente Corso di Laurea
Prof. Renzo Zanotti
Via Loredan, n.18 – 35131 Padova
e-mail: renzo.zanotti@unipd.it 

Coordinatore didattico di tirocinio
Dott. Elisabetta Spigolon - c/o Azienda ULSS 18
Viale Tre Martiri, 89 – 45100 Rovigo
Tel. 0425 394657-59 - Fax 0425 393638
E-mail: spigolon.elisabetta@azisanrovigo.it 

Segreteria di sede
Tel. 0425 394659
E-mail: segreteria.cli@azisanrovigo.it


Programmi dei corsi e Regolamenti
www.medicina.unipd.it 



Biblioteche
Laboratori







Tempo libero e cultura
            









CUR © 2016. | Privacy | Viale Marconi, 2 - 45100 Rovigo
T.0425.31272 - F.0425.418864 - P.IVA: 01274780293
PEC: consorzio.universita.rovigo@legalmail.it
Enti soci


Corsi attivati in collaborazione con
   
 
Corsi realizzati grazie alla